Barocco veneziano: i luoghi cult per ammirarlo nella città lagunare

Amazon Prime

Palazzo Grimani, Venezia

Originariamente con il termine barocco si indicava la mancanza di ordine, infatti veniva usato in maniera dispregiativa e proprio per questo le caratteristiche principali di questo stile sono le linee curve e sinuose o curve con motivi che intrecciandosi fra di loro le rendono indecifrabili. Il barocco doveva provocare meraviglia e teatralità e perciò gli artisti del periodo si affidarono ad un esuberanza artistica senza precedenti. Venezia aderì e a questo stile, importato da Roma, intorno al 1600; la forte dedizione per l’arte di Venezia fu così intensa da far diventare la città lagunare un centro nevralgico internazionale e meta per molti collezionisti.

Dove ammirare il barocco a Venezia

In architettura, il primo che si affermò come artista rappresentativo del barocco fu Michele Sanmicheli con la realizzazione di Palazzo Grimani a San Luca sul Canal Grande, affrescato dal Tintoretto, e Palazzo Corner a San Polo. Poi c’è Ca Pesaro, simbolo per eccellenza del tipico palazzo barocco veneziano dove all’interno si trova il museo d’arte moderna e d’arte orientale, fino ad arrivare a Palazzo Barbarigo e Palazzo Foscarini. Una volta giunti a San Marco si può ammirare Santa Maria della Salute, chiesa barocca sorretta da quasi un milione di pali di legno, per poi passare sul Canal Grande con Palazzo Civran (XVII secolo) e Palazzo Giustiniano Persico (XVI secolo). Altre chiese di forte impatto barocco si trovano una in campo Sain Moisè, dal quale prende il nome, e l’altra vicino il teatro la Fenice; quest’ultima, Santa Maria Zobenigo custodisce al suo interno opere del Tintoretto e del Rubens.

A Dorsoduro, altra meta barocca imperdibile è la sala  da ballo di Palazzo Zenobio; il piano superiore del palazzo ospita un teatro di marionette e un’antica farmacia del XVIII secolo.

Rimanendo nei paraggi c’è anche l’Accademia, tredici edifici che racchiudono una grande collezione di opere barocche veneziane, pitture del Tiepolo, del Veronese, dello Strozzi fino alle opere del Longhi. Visto il grande patrimonio artistico di Venezia, sopratutto se si è amanti dello stile barocco, è assolutamente consigliato pianificare un soggiorno nella laguna (raggiungibile comodamente anche con voli low-cost, grazie ai collegamenti con il vicino aeroporto di Treviso), per godere delle bellezze di una città che si specchia nell’acqua e lascia negli occhi dei viaggiatori un ricordo di arte e cultura indelebile.

Potrebbero interessarti anche